Nei primi anni del 2000 si è cominciato a sentir parlare di manutenzione predittiva, ma che cos’è esattamente? Intendiamo fornire una spiegazione di questo concetto, relativamente nuovo. Tramite un corretto utilizzo degli strumenti che le moderne tecnologie ci hanno messo a disposizione, come per esempio l’Internet of things e il machine learning, è possibile misurare con precisione e tenere sotto controllo i consumi di energia in ambito produttivo.

Varie tipologie di manutenzione

Prima di tutto occorre chiarire un punto fondamentale che riguarda la distinzione tra le varie tipologie di manutenzione utilizzate dalle aziende:

● la manutenzione reattiva consiste nel riparare i macchinari dopo che è avvenuto un guasto. È un metodo considerato ormai superato e sempre più in disuso perché, oltre a essere dispendioso, rischia di fermare la produzione per tempi prolungati e, di conseguenza, far lievitare ulteriormente i costi;

● con la manutenzione pianificata gli interventi sono programmati in base alle statistiche storiche del macchinario e ha luogo prima che si verifichino guasti. Resta comunque poco affidabile perché si effettua tramite controlli periodici, rischiando si svolgerla in maniera eccessiva o, aò contrario, insufficiente. Entrambi i casi comportano costi che, come vedremo, si sarebbero potuti evitare;

● con la manutenzione su condizione si può intervenire quando diventa davvero necessario, l’obiettivo è intervenire prima che si verifichi il guasto. È molto più precisa delle precedenti perché non si basa su dati storici generici, ma su effettive misurazioni effettuate con l’ausilio di sensori IoT;

● la manutenzione predittiva rappresenta il livello più alto attualmente disponibile. È una particolare forma di manutenzione preventiva che analizza i dati raccolti dai sensori mediante complessi modelli matematici elaborati dall’intelligenza artificiale e il machine learning. Questi accorgimenti permettono di intervenire esclusivamente nel momento opportuno, riducendo drasticamente il fermo della produzione e abbattendo i costi.

Cosa si intende per manutenzione predittiva?

Come abbiamo detto, la manutenzione predittiva è una metodologia di monitoraggio programmata che, attraverso l’utilizzo di specifici sistemi e tecniche, permette di tenere traccia delle prestazioni delle apparecchiature durante il loro normale funzionamento. In pratica diventa possibile rilevare in anticipo eventuali difetti e risolverli prima che si verifichino guasti. Grazie a questa moderna tecnologia è possibile diminuire la frequenza dei controlli e, al tempo stesso, prevenire gli interventi di manutenzione non pianificati.

Per esempio, il corretto utilizzo degli strumenti nel monitoraggio energetico permette di eseguire controlli solo nel momento in cui si renda davvero necessario, cioè immediatamente prima che il guasto avvenga. Speciali sensori IoT sono in grado di gestire agevolmente operazioni come:
● analisi termografica
● osservazione delle apparecchiature
● controllo dei sistemi.

Questa moderna tecnologia fondata sull’Internet of Things, rende gli interventi precisi e tempestivi, permettendo di raggiungere un ritorno sull’investimento in tempi piuttosto brevi.

Come funziona?

La manutenzione predittiva sfrutta un sistema di apparecchiature all’avanguardia per monitorare le condizioni delle risorse e valutarne le prestazioni in tempo reale. Ma non è tutto, il vantaggio maggiore di questo approccio è dato dalla possibilità di prevedere il momento in cui sarà necessario intervenire su un componente.

Elemento chiave di questo processo è il cosiddetto IoT, acronimo di Internet of Things. Evitando di scendere in dettagli troppo tecnici, questo “internet delle cose” consiste in un’evoluzione del modo che abbiamo attualmente di concepire il web. In pratica l’IoT consente a diversi asset e sistemi di connettersi tra di loro, lavorando insieme per condividere, analizzare e agire sui dati. I sensori rendono possibile diversi tipi di operazioni, dall’accensione di una semplice lampadina in un ufficio, alla programmazione di complessi macchinari adibiti alla produzione, fino al monitoraggio dei vari impianti di gestione dell’energia di una grande azienda.

Sono solo alcuni semplici esempi pratici di quello che si può fare grazie allo sfruttamento dei principi di Internet of Things, ma la tecnologia è in continuo e rapido sviluppo e grazie al machine learning le funzioni disponibili sono in costante aumento e sempre più specifiche.

Vantaggi della manutenzione predittiva tramite IoT

L’attuale concetto di Industria 4.0, questo tipo di innovazioni ha un ruolo strategico. Ormai è dimostrato che l’automazione industriale rende possibili scenari che si potevano solo sognare fino a qualche anno fa. Dotare l’azienda di apparati dedicati alla manutenzione predittiva, comporta una notevole riduzione dei costi.

Infatti, grazie al machine learning, i sensori IoT interpretano appositi algoritmi basati sui dati storici dell’azienda e monitorano le attività diagnosticando eventuali anomalie nel sistema. Limitare le inefficienze significa un minor numero di interventi alle apparecchiature e il risparmio è immediato:
● si riducono i costi derivati dalla fornitura di pezzi di ricambio
● diminuiscono i tempi di manutenzione delle attrezzature
● l’impatto delle ore di produzione perse per interventi manutentivi è ridotto al minimo.

I servizi Bluway di Blutec offrono soluzioni personalizzabili: attraverso l’analisi dei sistemi e la raccolta dati, elaboreremo la proposta più indicata alla vostra attività. Il vantaggio principale è quello di affidare a esperti la gestione in outsourcing di questo servizio.

Contattaci per ottenere una consulenza, puoi anche scriverci direttamente all’indirizzo e-mail commerciale@blutec.it per richiedere una presentazione senza impegno dei nostri servizi.